Nella città di Xiamen, in Cina, si è verificato un evento che a livello medico è molto raro: una donna ha perso l’udito a bassa frequenza e non riesce più a sentire le voci maschili. Secondo quanto riportato dal Daily Mail, tutto è iniziato una sera, quando la donna di 24 anni ha iniziato ad avvertire strani ronzii alle orecchie oltre che nausea. Al suo risveglio la mattina dopo la ragazza si è resa conto che non riusciva più a sentire la voce del suo fidanzato.

Allarmata, la coppia si è recata subito al Qianpu Hospital dove i medici hanno effettuato diversi accertamenti per cercare di capire di cosa si trattasse, dato che la ragazza era però in grado di sentire le voci femminili. La dottoressa Lin Xiaoqing ha quindi compreso che la paziente ha subito la perdita dell’udito con pendenza inversa, ossia ha perso l’udito a bassa frequenza e per questo motivo adesso è in grado di sentire solo i suoni ad alta frequenza, come appunto le voci femminili.

Secondo le statistiche, questo disturbo colpisce solo un paziente su 13.000 tra quelli con problemi di udito. Si tratta, tra l’altro, di una patologia difficile da diagnosticare perché spesso né i pazienti né i medici ne conoscono l’esistenza. L’origine non è chiara: potrebbe essere un problema genetico e, in tal caso, vorrebbe dire che chi ne è affetto in realtà non è mai stato in grado di sentire i suoni a bassa frequenza; secondo i medici cinesi che stanno curando la donna, invece, una delle possibili cause potrebbe essere anche lo stress. La ragazza, infatti, ha spiegato ai dottori che nell’ultimo periodo ha lavorato molto e dormito poco, dunque ha probabilmente accumulato stanchezza e stress che hanno avuto conseguenze negative sul suo organismo. Secondo gli specialisti che la stanno seguendo è importante intervenire tempestivamente in questi casi per ottenere così un completo recupero.