Pioggia di critiche per Victoria Beckham che ha scelto il figlio Brooklyn come fotografo del suo marchio di moda, in molti l’accusano di “nepotismo” soprattutto in un momento in cui la società che porta il suo nome ha dovuto licenziare 60 persone.

Victoria Beckham è finita nell’occhio del ciclone dopo alcune scelte relative al suo marchio di moda. Secondo un articolo del Daily Mail sembra che la stilista abbia scelto il figlio, il primogenito Brooklyn, nato dal matrimonio col calciatore David Beckham, come fotografo per le prossime campagne del marchio che porta il suo nome. Tale scelta arriva in un periodo in cui l’azienda ha subito una riduzione del personale, sembra infatti che Vicky abbia licenziato 60 dipendenti per tagliare le spese e regolare i conti. Dopo che è saltata fuori la notizia che vedeva Brooklyn come nuovo fotografo del marchio Victoria Beckham il web è insorto, in giro i commenti si sprecano e sono in molti ad affermare: “E nepotismo”. Da diverso tempo il primogenito 19enne di David e Victoria Beckham ha mostrato una passione per la fotografia e anche un discreto talento. Sul profilo Instagram del celebre figlio del calciatore e della stilista si notano diversi lavori e scatti in bianco e nero che mostrano la passione di Brooklyn per la fotografia. Ora arriva la scelta di mamma Victoria che, secondo la fonte del Daily mail, crede molto nel talento del figlio e che anche in passato ha chiesto consigli al piccolo Brooklyn per alcune scelte stilistiche nelle campagne fotografiche e non solo.

Tutto ciò avviene in un momento in cui la “Victoria Beckham Ltd” sembra non navigare in buone acque. Nel 2017 i conti dell’azienda erano in rosso con perdite per 7, 5 milioni di sterline. La stilista è stata costretta a chiedere l’aiuto di alcuni investitori  della «Neo Investment Partners» che hanno versato nelle case dell’azienda di moda 3o milioni di sterline richiedendo però alcuni tagli riguardanti soprattutto la forza lavoro.